Fuoco di Sant’Antonio

Herpes Zoster o Fuoco di Sant’antonio: sintomi, contagio e cura

Il Fuoco di Sant’Antonio è un virus, chiamato in gergo tecnico  Herpes Zoster.


Esso insorge frequentemente nelle persone anziane e/o in persone affette da malattie del sistema immunitario o sottoposte a cure farmacologiche che danneggiano le difese dell’organismo.

Tuttavia questo virus può colpire anche  persone del tutto sane, che a seguito di forti stress, o anche abrasioni e scottature solari, indeboliscono il loro sistema immunitario diventando così suscettibili al virus. Nei giovani, invece, si manifesta di rado.

Come si trasmette il virus dell’Herpes  Zoster?


Questo si trasmette via etere, per cui è sufficiente respirare l’aria contagiata del malato per contrarlo. Tuattavia è bene precisare che chi viene contagiato  non contrarrà il fuoco di Sant’Antonio, bensì la Varicella, se non la si è avuta in precedenza.

Sintomi  del fuoco di sant’antonio

Il fuoco di sant’antonio si manifesta in primis con un formicolio, concentrato in una determinata zona dl corpo. Fa seguito la comparsa di bollicine, raggruppate tra loro a grappoli, che si distribuiscono i nervi, in cui il virus vive. Le zone maggiormente colpite sono solitamente il torace, le coste, la schiena edd il collo.

Si forma così una mezza cintura, dalla quale prende il nome il virus:  Zoster (dal greco antico).

Le bollicine provocano dolore e bruciore (ecco perchè viene chiamato “fuoco di sant’antonio“) e possono causare l’insorgere della febbre. Attenzione perchè è quando le bolle si rompono, formando delle croste, che diventano altamente infettive.

Come curare il Fuoco di sant’antonio?

E’ bene farsi visitare dal proprio medico e farsi prescrivere la cura adatta. Normalmente per curare qesto virus è necessaria una protezione cutanea (garze sterili), lozioni e unguenti da applicare, antistaminici ed antivirali.

I farmaci antivirali usati, se assunti precocemente, possono accelerare la guarigione e aiutare a prevenire una temibile complicazione della malattia: la nevralgia post-erpetica. Gli antibiotici vengono prescritti a seconda dei casi.

Decorso dell’Herpes Zoster

Occorrono dalle 3 alle 5 settimane perchè il sistema immunitario riesca a debellare il virus. Se s’interviene tempestivamente la guarigione avviene prima. Normalmente il soggetto guarito dall’Herpes Zoster è completamente immunizzato, ossia protetto nei confronti di un possibile nuovo risveglio del virus, tuttavia ci sono casi in cui una persona abbia contratto più volte questo virus nella propria vita.

Pin It

16 commenti per “Fuoco di Sant’Antonio

  1. mio suocero di anni 92, 7 anni orsono ha contratto il virus “herpes zoster” con eruzioni cutanee, ora sente gli stessi sintomi con dolori lancinanti. ho provveduto a farlo visitare da diversi medici (consigliati da altri medici del pronto soccorso a cui mi sono rivolto per ben tre volte)per alleviare il dolore è stato prescritto “lyrica da 75 due volte al di” ma non si è riscontrato una diminuzione del dolore. esiste un altro rimedio? grazie a nome di mio suocero

    • Salve stefano,
      il consiglio che posso darti è quello di rivolgerti ad un buon dermatologo, che saprà senz’altro consigliarti alla meglio. Auguri di pronta guarigione. ;)

  2. sono 2 anni che soffro di herpers zoster e continuo ad avere recidive della malattia nonostante tutte le cure mediche,la profilassi per prevenire il male ecc.ho buone possibilità di guarigione o devo credere che oramai è cronico?

  3. Nel TALAVIR 1 é scritto che bisogna iniziare il trattamento entro 72 ore dalla comparsa delle lesioni cutanee…..
    ma nel caso di mio padre ce ne siamo accorti più tardi. Cosa succede? LUi ha ancora forti dolori e febbre dopo 5 giorni. E’ normale?

  4. mio marito ha il virus herpes zoster, fortunatamente lui non soffre tanto ma il nostro problema e che e stato a contatto con mia nuora incinta di otto mesi,lei la varicella l ha gia contratta. Come ci dobbiamo comportare?

    • Ciao Giulio,
      un valido rimedio è la Piantaggine (Plantago major), da utilizzare in decotto per impacchi locali, da applicare freddi o a temperatura ambiente. Per lenire il bruciore ottima è la Calendula. Infine, per stimolare le difese naturali dell’organismo contro l’attacco dell’ Herpes zoster sono ottime le proprietà dell’ Echinacea. Auguri di pronta guarigione! Warlike.

  5. da 3 gg che ho un dolore allucinante nell’emicostato posteriore sinistro.nella notte mi sono recata con urgenza al PS per dolori inarrestabili che si accentuavano con il respiro profondo,in posizione sdraiata e alla flessione della schiena.mi hanno subito fatto una indovena con toradol e ranidil che mi ha allegggerito ma non rissolto il disturbo del tutto.eseguiti rx torace per escludere costole inclinate ma fortunatamente nulla.mi hanno detto che potrebbe trattarsi dell’herpes zoster,solo che a distanza ormai di 4 gg non ho vesciche ,documentandomi non ho letto in nessun posto questo tipo di sintomo che io ho.al momento faccio la cura che mi hanno prescritto Brufen bustine che allevia il disturbo ma alla respirazione profonda il dolore e’ allucinante!!!!!!!!!!!!!!!mi dice qualcosa Lei? grazie del tempo che mi dedichera’.saluti Cosima

  6. mio marito un anno fa e’stato colpito da herpes zoster internamente all’ orecchio,sono stati infettati anche i nervi sensoriali,infatti,aveva continui giramenti di testa.oggi dopo un anno e piu’ha un herpes al labbro e lamenta dolori all ‘orecchio colpito in precedenza,e’ possibile che si sia formato di nuovo

    • Salve,
      l’herpes zoster recidiva soltanto di rado e provoca spesso dolore più intenso e gruppi di lesioni distribuite lungo un dermatomero. Il mio consiglio, in ogni caso, è quello di sottoporre il soggetto ad una immediata visita medica.

  7. Soffro di Herpes zooster da una settimana, il mio medico e dermatologo m ha riferito che pur non avendo preso l’antivirale nelle 72 ore va scomparendo spontaneamente ma la gente in grande quantita’ compreso vecchi famigliari mi rimandano alla diceria popolare “una persona anziana che con un determinato rituale per tre mattine consecutive a digiuno lo elimina” cosi’ hanno fatto anche i miei famigliari ed e’ scomparso dolori compresi! Una sorta di Malocchio?!

  8. Salve a tutti! Vorrei fare una correzione all’articolo, per amore di correttezza.
    L’Herpes Zoster NON si trasmette per via aerea perchè non intacca le alte vie respiratorie, al contrario della varicella che invece si trasmette via etere.
    L’unico modo per contrarre la varicella da una persona affetta da Herpes Zoster è tramite contatto con le vescicole.
    Ne sono più che certa perchè il mio convivente sta combattendo il virus ed io non ho mai avuto la varicella, quindi ho consultato tutti i medici che ho potuto!
    Buonanotte.

  9. Salve, mi servirebbe un consiglio…………
    Ho mio figlio di 11 anni che è un soggetto allergico e fa usi di formistin,e singulair compresse da 5 mg……
    stamattina si è svegliato con un forte prurito e 3 bolle sulla schiena di conseguenza tutta la giornata a sofferto di prurito e bolle sono comparse di più e focose,lo portato dal dottore mi detto che è un erpers zostes ,la domanda è possibile che le medicine che assume hanno fatto in modo che non ha più le difese immunitarie?

  10. Giusy,
    ho 27 anni e soffro di Herpes Zoster da quando ne avevo 9, localizzato sul sopracciglio sinistro e a volte scende fino all’occhio. Fino all’età di 18 mi venne solo in concomitanza dello stress degli esami delle scuole, quindi 3 volte in 9 anni. Successivamente, da universitaria, ho cominciato ad esserne affetta anche 3 volte l’anno, se non di più. Quella pratica delle tre mattine a digiuno l’ho effettuata la prima volta, a 9 anni, e l’anno scorso… Come vedi non cambia molto, oggi scrivo e ho di nuovo il Fuoco… L’unica cosa che ho notato, dopo questi rituali, e le varie cure per rafforzare le difese immunitarie, è che si allungano i tempi tra un’affezione e l’altra. Nonostante tutto, è come se rimanesse incubato perchè continuo ad avere dolori alle ghiandole e nervi interessati, a volte anche decimi di febbre, fin quando non sfoga, e lì ovviamente tutto peggiora.

  11. sono tre mesi che soffro di dolori acuti alla schiena in special modo sulla parte destra e su tutta la gammba é iniziato con un bruciore in fondo alla schiena poi è aumentato anche se avevo intrapreso la cura farmacologica prima dicloreum poi bentelam (cortisone ) poi ho fatto la terapia del dolore con contramal e pridurale dopelgos ma con scarsi risultati alla fine ho fatto il soldesam forte in punture ma senza risultati( a premetto i vari dottori avevano diagnosticato dietro a un esame RSM una piccola ernia l5s1 )TUTTO inutile i dolori sono aumentati alla fine tutti mi volevano operare in preda alla disperazione ho fatto una seduta con un dott omeopatico il quale mi ha diagnosticato l erpes zoster mi ha fatto delle punture sulla parte dolorante e oggi posso dire di stare un po meglio . inoltre ho intrapreso la cura con liryca e un antivirale per acc la guarigione . (premettoche questo dott e molto famoso e mi hadetto che da l erpes zoster si puo guarire)spero tanto .

  12. ho avuto il fuoco di SAN ANTONIO il 22 di GIUGNO ora dopo dopo 6 mesi stò ancora soffrendo molto nelle parti dove mi ha colpito specialmente a contatto con indumenti questa NEVRALGIA POST ERPETICA dovendo io andare in vacanza alle CANARIE COME MI DEBBO COMPORTARE il sole fà bene o male chi può darmi consiglio lo ringrazio tanto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>